Vitalizi, la contraddizione da sciogliere sabato

Attenzione a non ingannare il popolo, anche sui vitalizi. Sicuramente sarà importante la manifestazione che i Cinquestelle terranno sabato a Roma sul loro cavallo di battaglia. Anche se lo stesso Di Maio ha dovuto modificare la sua “chiamata” in modo che non sembrasse una mobilitazione contro il governo di cui fa parte…

La lettura dei social consente però di chiedere ai grillini di sciogliere qualche contraddizione. Perché il tema dei privilegi della politica c’è tutto, ma bisogna comprendere che cosa succede. Non basta la prestazione di Paola Taverna in Tv contro l’avvocato Paniz per giustificare tutto.

Il cumulo dei vitalizi

I puristi della materia tengono giustamente a risaltare lo strumento: il vitalizio è garanzia di indipendenza politica. Vero, ma chi ne cumula due non dovrebbe avere necessità di “due indipendenze”.

Sbagliano però anche i pentastellati nel non chiarire una questione. Pompando la manifestazione di sabato hanno detto ovunque che è uno scandalo che si prenda il vitalizio dopo un giorno, una settimana o un mese in Parlamento. Bene, giusto: ma allora perché la polemica riguarda anche quelli che sono stati eletti per più legislature?

Eppure festeggiarono

Ancora. Si è detto che sono stati aboliti (da Monti, in verità) e che ora sono stati rideterminati (da Fico e Casellati) e quindi vige il regime contributivo. I Cinquestelle hanno festeggiato. Quindi, ora intaschi quanto hai versato. Potere dirlo alla piazza che ulula che questa è la riforma che avete voluto?

Se la commissione del Senato la ribalta può accadere solo perché la Corte Costituzionale ha previsto altre modalità. Magari con una legge si sarebbe potuta scrivere meglio la riforma dei vitalizi. Chi ha preteso di approvarla in ufficio di presidenza, poi non può lamentarsi se la cosiddetta autodichia – cioè il diritto interno delle Camere – si applichi in uscita come in entrata.

Roba per palati fini e non per i social? Vero, ma la verità va detta. Anche se contraddice i festeggiamenti dal balcone…

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *